Mission: Impossible - Fallout

2018, Azione

Da Mission: Impossible 6 a Bumblebee e Bohemian Rhapsody: ecco il nuovo listino Fox!

Anche Predator e i nuovi film di Robert Rodriguez e Steve McQueen tra le numerose sorprese del nuovo listino Fox.

La seconda metà del 2018 di 20th Century Fox appare molto promettente fin dalle primissime battute, visto che chiuderà l'anno con Bohemian Rhapsody, biopic su Freddie Mercury con Rami Malek, e Bumblebee, atteso spinoff della saga dei Transformers con Hailee Steinfeld e John Cena. Ma le uscite succose non finiscono qui, visto che avremo anche il ritorno di Steve McQueen, The Predator e il nuovo film di Yorgos Lanthimos.

Leggi anche: Transformers: 10 curiosità sulla saga della Hasbro e i film di Michael Bay

Un'estate d'azione

Mission: Impossible 6: una foto del cast del film

Per il periodo estivo, la 20th Century Fox punta tutto sul cinema d'azione. Il 14 agosto arriva Darkest Minds, tratto dall'omonimo romanzo del 2012 di Alexandra Bracken, con Mandy Moore e la Gwendoline Christie de Il trono di spade. Il 29 agosto è il momento di Tom Cruise nel nuovo Mission: Impossible - Fallout: dopo il successo di Rogue Nation, Fallout ci mostra un Ethan alle strette, mentre il passato dell'IMF (Impossible Mission Force) ritorna a perseguitarli. Il cast è pieno di star già viste nella saga, come Simon Pegg, Rebecca Ferguson e Michelle Monaghan, e anche qualche volto nuovo come quello di Henry Cavill e Angela Bassett. Con l'arrivo dell'autunno, sbarca nelle sale il 27 settembre The Predator diretto da Shane Black. In questo nuovo episodio della saga, i cacciatori più letali dell'universo sono ora più forti, intelligenti e mortali rispetto al passato, essendosi geneticamente aggiornati con il DNA di altre specie. Quando un ragazzino, in modo involontario, dà il via al loro ritorno sulla Terra, solo un bizzarro gruppo di ex soldati e un insegnante di scienze può evitare l'estinzione della razza umana.

Leggi anche: Mission: Impossible - 5 cose che (forse) non sapete sul franchise spionistico

L'autunno tra Vedove e Queen

Bohemian Rhapsody: Rami Malek in una nuova foto del film

Dopo un'estate ad alta tensione, la Fox ci presenta un inverno importante, dove alcuni dei titoli avranno sicuramente gran voce nella stagione dei premi che contano. Torna il 15 novembre Steve McQueen, mattatore degli Oscar 2014 con 12 anni schiavo, con il suo nuovo thriller Widows - Eredità criminale: le protagoniste sono Viola Davis, Michelle Rodriguez, Elizabeth Debicki e Cynthia Erivo nel ruolo di quattro donne che decidono di concludere il progetto criminale che ha portato alla morte dei loro mariti. Nel cast anche Liam Neeson, Colin Farrell, Carrie Coon e Daniel Kaluuya. Il 29 novembre sbarcherà nelle nostre sale Bohemian Rhapsody, l'atteso biopic su Freddie Mercury e la band dei Queen. Il progetto ha avuto una complessa lavorazione, dopo l'abbandono di Bryan Singer e il completamento riprese di Dexter Fletcher, ma racconterà l'ascesa verso il successo dell'artista, lo stile di vita all'insegna degli eccessi e la malattia: il complesso ruolo è affidato a Rami Malek.

images/2018/07/02/bb.jpg

Il 20 dicembre, la Fox ha puntato tutto sul primo spin-off ufficiale a tema Transformers: Bumblebee, il lungometraggio diretto da Travis Knight (Kubo e la spada magica) avrà come protagonisti Hailee Steinfeld e John Cena. Il film sarà ambientato nel 1987 quando Bumblebee trova rifugio in una discarica sulla spiaggia di una cittadina della California. Charlie, una ragazza che sta per compiere diciotto anni, lo scopre danneggiato e con i segni della battaglia. Quando la giovane gli ridà vita capisce immediatamente che non è un veicolo normale.

Leggi anche: Da Justice League a Via Col Vento: 10 film con troppi registi (e qualche guaio!)

Il 2019 d'autore della Fox

images/2018/07/02/alita-battle-angel-epk-aba_dtlra_stills_pull01-06_rec709_120517086213_rgb.jpg

I primi tre titoli del nuovo anno annunciati dalla Fox coinvolgono tre nomi che toccano tre generi completamente diversi. Iniziamo il 1 gennaio con Robert Rodriguez e il suo Alita: Battle Angel. Ambientato nel ventiseiesimo secolo, il film racconta la storia di Alita (Rosa Salazar), una cyborg che viene salvata dalla distruzione da Ido (Christoph Waltz). Alita, dopo essere stata ricostruita, non ricorda più chi è e non riconosce il suo mondo. Ido cerca di proteggerla dal suo misterioso passato, mentre il suo nuovo amico Hugo (Keean Johnson) le propone di far riemergere i ricordi legati alla parte che ha rimosso dalla memoria. Tra i due si sviluppa un profondo legame, tuttavia delle forze mortali minacciano questa amicizia, ed è qui che Alita scopre di possedere la capacità di combattere.
L'11 gennaio sarà il momento di Ad Astra, diretto da James Gray. Nell'imponente cast Fanno parte del cast Brad Pitt, Tommy Lee Jones, Ruth Negga, Donald Sutherland, Jamie Kennedy e John Finn. Il progetto sci-fi mostrerà la storia di un uomo, Roy McBride (Pitt), che va alla ricerca del padre (Jones) venti anni dopo la sua partenza con destinazione Nettuno, dove era alla ricerca di vita extraterrestre.

images/2018/07/02/yorgos-lanthimos.jpg

L'atteso ritorno del regista di The Lobster, Yorgos Lanthimos, arriverà il 14 gennaio 2019. Il film, dal titolo The Favourite, sarà una sorta di atipico film in costume con protagoniste Emma Stone, Rachel Weisz e Olivia Colman. La storia è ambientata nell'Inghilterra del diciottesimo secolo, alla corte della regina Anna (Colman). Rachel avrà il ruolo di Sarah Churchill, la duchessa di Marlborough e confidente, consigliera e amante segreta della sovrana. La situazione prende però una svolta quando arriva a corte la cugina della duchessa (Stone), più giovane della donna, e tra le due inizia una battaglia per ottenere l'affetto e il controllo sulla regina.

Leggi anche: Il sacrificio del cervo sacro: la tragedia greca di Lanthimos ci riporta ad antichi orrori

Ecco il listino completo:

Da Mission: Impossible 6 a Bumblebee e Bohemian...
Cinecittà World
Cinecittà World

Mostra i vecchi commenti

The Predator, Larry Fong replica alle critiche: "Niente CGI in quella scena"
Alita: Battle Angel, Robert Rodriguez spiega perché non si può accusare il film di whitewashing